Home - Fortezza di Radicofani

logo
uk flag
logo
uk flag
Vai ai contenuti

Benvenuti sul sito della Fortezza di Radicofani

Museo di Storia, Parco Tematico, Steak House.
Un tuffo nell'arte, nella Storia e nella natura, vieni a trovarci...
 

Situato alla sommità di uno sperone di roccia basaltica di 896 metri, il castello, o rocca, di Radicofani, domina il paese sottostante e la Val D'Orcia. Il sito archeologico è stato ristrutturato a partire dagli anni '80 del secolo scorso. Attualmente offre al visitatore un interessante percorso esplorativo che comprende anche i cunicoli restaurati, precedentemente non percorribili e un punto di ristoro con ottimi piatti locali.
Qui troverete alcuni cenni storici e links a pagine di approfondimento.

Buona navigazione!
Guarda il video su Facebook
video
Clicca per interrompere la riproduzione dell'audio
Cenni storici su Radicofani e la sua rocca


La costruzione del castello di Radicofani (IX sec.) è da attribuire ai Carolingi.

Nel 978 i Monaci di Abbadia San Salvatore lo acquistarono e ne rimasero in possesso sino al 1153, quando la fortezza fu riscattata dallo Stato Pontificio e il Papa anglosassone Adriano IV, essendo il castello situato in posizione strategica di dominio sulla via Francigena, ne potenziò le fortificazioni per arrestare l'avanzata di Federico Barbarossa.
Nei secoli a seguire il castello rimase di proprietà dello Stato Pontificio e della Repubblica di Siena.

Nel 1297 il celebre "bandito gentiluomo" Ghino di Tacco si impadronisce del castello e vi dimora per tre anni, diventando un Robin Hood di casa nostra. Le sue imprese sono ricordate da Dante ne"La Divina Commedia" e da Boccaccio nel "Decamerone".

Nel 1300 la fortezza torna sotto lo Stato Pontificio ed è oggetto di continui tentativi di conquista da parte dei senesi che se ne impadronirono (con l'obbligo di pagare una pesante retta annua) nel 1411, ristrutturando e fortificando l'importante punto strategico. Nel 1458 la fortezza fu definitivamente donata a Siena da Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini di Pienza) ed iniziò così un lungo periodo di benessere e stabilità. Durante la guerra tra Firenze e Siena, la fortezza assunse un ruolo importante nel conflitto, infatti fu l'ultimo baluardo difensivo della Repubblica di Siena. Dopo lunghi anni di assedio, la Balzana senese venne ammainata il 17 agosto 1559. Fu poi Cosimo I Granduca di Toscana ad intervenire sul vecchio castello, esaltandone il ruolo difensivo ed affidando all'architetto Baldassarre Lanci il compito di costruire un'imponente fortezza.
Il castello subì il definitivo abbandono nel 1735, dopo lo scoppio doloso della polveriera che ne causò la quasi totale distruzione.

Grazie ad un cospicuo finanziamento FIO (1989), il castello di Radicofani è tornato al suo antico splendore.



mappa
Il Parco Archeologico è aperto in inverno sabato e domenica
e da aprile tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 20:00
Sempre aperto nei giorni festivi

Info e contatti:
Paul: 339 8283 953
Giovanni: 333 838 8541
Last Update
24/08/2018

Via della citta' fortificata, n° 10
RADICOFANI (Siena) - ITALY
Tel. 339 8283 953
Fax: 0578 55876
P. IVA 01382140521
uk flag
© Copyright Rocca di Radicofani 2015  |  Powered by   www.salandranet.it |  Hosting by ARUBA  |  This site is made with WebSite X5 |  Rate the site!
responsive
Torna ai contenuti